calldocumentfacebookmessagemypartnerwindowsapplegoogleplayworkerroutecoinspinterestplaysearchsmartphonetwittercaraccordeonvideoarrowarrowdownloaddownloaduploadsection_scrollerglobemapIcon-Shop-Websitecontactenergyhomebridgeshighrisetunnelmininghousearrow-uparrow-downarrow-leftarrow-leftarrow-circle-rightchevron-right-circleuserexternlinkcartissuuclosekeystarweb

Quando l'infrastruttura é arte: Doka e la stazione metro di Capodichino

18.07.2023 | Italy
Sono i numeri a parlare della stazione metropolitana di Napoli Capodichino: costruita ad una profondità massima di 50 metri dal piano campagna, la struttura si compone di 3.000 metri quadri di superficie totale e 200.000 metri cubi di materiale scavato che troverà impiego nella rivalorizzazione a verde di ex cave della provincia partenopea.

Contatto stampa

Una struttura a forma di omega, è il capolavoro architettonico - bello ma soprattutto funzionale - della Stazione metropolitana partenopea a firma dello studio RSH+P di Londra e ad opera di Webuild, che si prevede ospiterà un flusso di 60 milioni di passeggeri l’anno.
L’altra parola d’ordine del progetto è sostenibilità con quasi 50.000 kg di emissioni di CO2 evitate ogni anno.
Un cantiere complicato e complesso dove Doka ha fornito le proprie soluzioni, tecnologie e servizi, e soprattutto l'esperienza e collaborazione del personale tecnico e commerciale.

Le soluzioni di casseratura di Doka (le casseforme a travi Top 50 per i pilastri, i tavoli Dokaflex per i solai interpiano del pozzo e le torri Staxo 100 coadiuvate dai sistemi di casseratura Top 50 e Eurex 60) e le competenze dell'ufficio tecnico hanno contribuito a risolvere tutte le criticità strutturali e a rispondere alle richieste estetiche della progettazione.

La cassaforma a travi Top 50 ha forma, dimensioni, disposizione degli ancoranti e pannelli adattabili a qualsiasi esigenza di realizzazione; il tavolo Dokaflex permette di gestire in modo economico grandi solai grazie alla sua struttura semplice e funzionale e all'elevata velocità di traslazione e di adeguamento, mentre con i suoi robusti telai in acciaio, la puntellazione Staxo 100 è concepita per altezze e carichi elevati, combinando alta portata e sicurezza in ogni situazione.

Sottolinea Carlo Di Costanzo, Project Manager Webuild per il cantiere: “Lo studio RSH+P predilige infatti un’estetica ‘industriale’ dell’architettura, con impianti a vista, con evidenziazioni grafiche e cromatiche degli andamenti statici della copertura e soprattutto con un’architettura degli elementi strutturali in calcestruzzo essenzialmente facciavista. I 10 pilastroni, in quest’ottica diventano protagonisti e, quindi devono essere caratterizzati dalla massima qualità di finitura superficiale, difficili da ottenere soprattutto per la particolare geometria delle travi”.

I plus di Doka sono stati la capacità di garantire un risultato estetico e funzionale eccellente, nel rispetto dei tempi stretti e garantendo sempre sicurezza, professionalità e alta capacità di problem solving.”

Conclude Di Costanzo: "Nel rapporto con DOKA, personalmente ricorderò positivamente la grande professionalità, competenza e disponibilità dei diversi interlocutori - da Stefano Borsa per la parte commerciale, a Armando Bernetti per la parte tecnica a Federica Vescovi della Gestione Ordini per la collaborazione puntuale ed attenta. Tutti hanno cercato di risolvere i problemi e non crearli: una dinamica preziosa che dovrebbe essere sempre alla base dei rapporti tra i diversi soggetti coinvolti in cantiere a questo livello”.

Vi potrebbe anche interessare:

2024: Sfide e opportunità

08.05.2024 | Notizie

Tangenziale di Castelbello: PAC sceglie Doka Top 50

17.04.2024 | Notizie

Avete domande su questo articolo? Contattateci!

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
* Il formulario non è completo!
Non è stato possibile inviare il messaggio, la preghiamo di riprovare più tardi!